Copa America 2016

Avatar utente
Meridiano
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 170276
Iscritto il: 31.08.05 - 11:11
Nome: Francesco
Skype: ciccioarcidiacono
Località: Catania

Re: Copa America 2016

Messaggio da Meridiano » 09.06.16 - 05:47

Coppa America, è pari spettacolo in Perù-Ecuador: 2-2



Una partita in due atti. E un pari giusto tra Ecuador e Perù (2-2), dopo 90 minuti a ritmi sostenuti. Nel primo tempo, dominio della Bicolor che metteva l'Ecuador all'angolo, con due reti in 15 minuti (fantastica quella di Cueva, rouleta e tiro in aria di rigore) e il controllo tattico ed emotivo della gara. Poi il ritorno della Tricolor con gol a fine della prima frazione di Enner Valencia. Ed Ecuador scatenato nella ripresa, con Perù incapace di ripartire, uscire dall'area di rigore. Infine, un finale con squadre lunghe, che cercavano il successo sino alla fine. E qualificazione nel girone B ancora aperta per tutte, escluso Haiti. Quattro punti per il Perù, come il Brasile (avanti per differenza reti, c'è lo scontro diretto tra le due) mentre per l'Ecuador (due punti) ci sono i caraibici, ultimi senza chances per i quarti di finale.


- Modulo speculare, con squadre con linee strette e compatte. Così in campo allo University Stadium of Phoenix (Glendale, Arizona) le due potenze del calcio sudamericano da sempre a ridosso delle big Argentina, Brasile e Uruguay. Ecuador (quattro successi in altrettante gare nel girone sudamericano per i Mondiali in Russia) in avanti con Montero e Valencia, per la Bicolor tutto su Pablo Guerrero, in rete all'esordio contro Haiti. Ed era il bomber a sfiorare il gol dopo 50 secondi, destro da fuori area su immediata ripartenza dei suoi, grande parata di Dominguez.
Ma il Perù, dopo cinque minuti a ritmi folli, andava in vantaggio con una splendida rete di Cueva, la più bella del Centenario, destro in area dopo una rouleta al limite che beffava due difensori avversari. Solo l'antipasto, due giri di orologio e la Bicolor bissava, con Flores, stop e tiro dal limite dell'area con un difensore incollato alle spalle. Ecuador alle corde, Perù con due marce in più, Revoredo sprecava al 23' di testa l'occasione per sigillare il match. Ma dopo dieci minuti in controllo, il Perù si distraeva e l'Ecuador rientrava con Enner Valencia, innescato in area: stop e tiro al volo, difesa della Bicolor distratta. E partita riaperta.


La conferma dopo tre minuti della ripresa con pari dell'Ecuador, rete di Bolanos su passaggio dalla sinistra (in posizione dubbia) di Montero, dopo azione in verticale della Tricolor. E inerzia della partita che cambiava padrone, con Perù chiuso in area, incapace di ripartire. Montero andava vicino al gol, Ecuador ritrovava le certezze che l'hanno portato in vetta al girone sudamericano per Russia 2018, nella Bicolor il solo Cueva provava a svegliare i compagni dal torpore. Ed effettivamente il Perù risaliva di colpi, ribattendo agli attacchi avversari, per un finale con squadre lunghe ma a ritmi elevatissimi. Ma finiva così, un pari che lascia aperto ogni sentiero verso i quarti di finale del Centenario.




ECUADOR-PERÚ 2-2

Ecuador (4-2-3-1): Dominguez; Paredes (46' J. Ayoví), Achilier, Mina, W. Ayoví; Gruezo, Noboa; A. Valencia, Bolaños (62' Martinez), Montero (88' Cazares); E. Valencia. Ct: Quinteros

Perú (4-2-3-1): Gallese; Revoredo, Rodriguez, Ramos, Trauco; Vilchez (72' Ruidiaz), Tapia; Hohberg (50' Polo), Cueva, Flores (79' Yotun); Guerrero. Ct: Gareca

Arbitro: Wilmar Roldan (Colombia)

Gol: 5' Cueva (P), 13' Flores (P), 39' E. Valencia (E), 48' Bolaños (E)

Note: ammoniti Gruezo (E), Achilier (E), Vilchez (P); espulso al 93' Achilier (E)
IL TRAPIANTO E' VITA!

:cup1: LFV-A-1^Div. Apertura 2010/11
:cup1: LFV-A-1^Div. Apertura 2011/12
:cup1: LFV-A-1^Div. Clausura 2012/13

Pulvirenti & Pitino fuori dal Calcio Catania

Avatar utente
Meridiano
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 170276
Iscritto il: 31.08.05 - 11:11
Nome: Francesco
Skype: ciccioarcidiacono
Località: Catania

Re: Copa America 2016

Messaggio da Meridiano » 09.06.16 - 05:47

Classifica girone B:
Brasile 4 punti (2 partite giocate), Perù 4 punti (2 partite giocate), Ecuador 2 (2 partite giocate), Haiti 0 (2 partite giocate)
IL TRAPIANTO E' VITA!

:cup1: LFV-A-1^Div. Apertura 2010/11
:cup1: LFV-A-1^Div. Apertura 2011/12
:cup1: LFV-A-1^Div. Clausura 2012/13

Pulvirenti & Pitino fuori dal Calcio Catania

Avatar utente
Meridiano
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 170276
Iscritto il: 31.08.05 - 11:11
Nome: Francesco
Skype: ciccioarcidiacono
Località: Catania

Re: Copa America 2016

Messaggio da Meridiano » 09.06.16 - 12:30

Altra notte di grande calcio quella che si prospetta questa notte. Per la Copa America Centenario si affronteranno per la seconda giornata le quattro squadre del girone C: Uruguay-Venezuela e Messico-Giamaica. I match odierni potranno forse delineare i primi verdetti: vincendo nei rispettivi incontri, Messico e Venezuela potrebbero conquistare i quarti di finale con 6 punti, mentre per Uruguay e Giamaica la competizione si concluderebbe con la fase a gironi in quanto ferme a zero. Al Lincoln Financial Field di Philadelfia (calcio d’inizio ore 1.30 italiane) ci si attende una pronta reazione dell’Uruguay, che dopo aver perso nella gara di esordio non può più sbagliare se vuole proseguire il suo percorso in questa edizione. Dopo la netta sconfitta contro il Messico per 3-1, la compagine di mister Tabarez ha voglia di riscattarsi. La Celeste schiererà in attacco Cavani, con Muslera fra i pali, Maxi Pereira, José Gimenez, Alvaro Pereira e Godin a coprire il reparto arretrato.
Il Venezuela si è imposta di misura sulla modesta Giamaica e ciò potrebbe spingerla ad accontentarsi di un pareggio per mantenere il secondo posto. Pur avendo meno caratura tecnica di Uruguay e Messico potrebbe rivelarsi la sorpresa del gruppo. La Celeste è comunque grande favorita nella lavagna di planetwin365: gli undici di Tabarez vincenti sono quotati a 1.75 mentre un successo del “Vinotino” è dato a 5.06. Il pareggio viene offerto a a 3.55.

L’altra gara tra Messico e Giamaica è in programma alle ore 4 italiane al Rose Bowl di Pasadena, in California. Le big dovranno tenere in considerazione il Messico, che nella prima partita ha messo ko il ben più blasonato Uruguay. Una rivelazione per il calcio americano che fa sognare i tifosi del “Tricolor”: in caso di vittoria contro la Giamaica l’undici di Osorio staccherebbe il biglietto per i quarti di finale con una giornata di anticipo. La rosa messicana è composta da giocatori di modesta qualità, impegnati in squadre locali. Più o meno simile la caratura della formazione giamaicana la cui gran parte proviene da club delle divisioni minori inglesi o nella Major League Soccer statunitense. Nonostante l’impegno profuso nel primo incontro contro il Venezuela, la squadra isolana non è riuscita a fermarla.
IL TRAPIANTO E' VITA!

:cup1: LFV-A-1^Div. Apertura 2010/11
:cup1: LFV-A-1^Div. Apertura 2011/12
:cup1: LFV-A-1^Div. Clausura 2012/13

Pulvirenti & Pitino fuori dal Calcio Catania

Avatar utente
Meridiano
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 170276
Iscritto il: 31.08.05 - 11:11
Nome: Francesco
Skype: ciccioarcidiacono
Località: Catania

Re: Copa America 2016

Messaggio da Meridiano » 10.06.16 - 05:49

Uruguay – Venezuela 0-1: la Celeste saluta la Copa

Cronaca Uruguay-Venezuela Grazie ad un gol di Rondon nel primo tempo, la Vinotinto conquista la seconda vittoria di fila e la testa del Girone

La Copa America 2016 regala già il suo primo, clamoroso, verdetto: perdendo anche contro il Venezuela dopo il ko all’esordio contro il Messico, l’Uruguay è eliminato dal torneo dopo solo 180′ giocati. La Celeste di Tabarez non potrà difendere il proprio record di vittorie in Copa, mentre la Vinotinto di Dudamel conquista il secondo 1-0 consecutivo e stacca il pass per i quarti.
Fedele Mode

LA CRONACA – La partita si pare all’insegna del ritmo e dell’agonismo, a scapito della fluidità del gioco e delle occasioni da rete. Non mancano i tentativi da ambo le parti, ma di conclusioni pericolose verso lo specchio della porta latitano fino al 36′ del primo tempo, quando Salomon Rondon porta avanti la Vinotinto. L’attaccante del WBA è il più lesto di tutti a spingere in rete il pallone dopo che Muslera lo aveva sospinto sulla traversa, deviando un tiro da oltre 40 metri di Guerra. Sul finale di frazione è ancora l’esterno venezuelano a provarci, trovando sulla propria strada il riflesso di Muslera; nel secondo tempo, le occasioni da rete sono ben poco, una per Stuani prima, l’altra per Penaranda poi, prima dell’assalto finale dell’Uruguay che però produce ben poco. Al 90′, la Celeste avrebbe la chance per pareggiare ma Cavani, dopo aver seminato due avversari, apre troppo il destro, fallendo una grande occasione. Poco dopo il Matador ci prova in spaccata sotto misura, ma senza trovare la palla. A tempo quasi scaduto, Otero sfiora il bis con un sinistro da centrocampo che sfiora la porta lasciata sguarnita da Muslera, salito per l’ultimo calcio d’angolo della gara.


IL TABELLINO DELLA GARA:

Uruguay (4-4-2): Muslera; M. Pereira, Godin, Gimenez, G. Silva; C. Sanchez (dal 78′ Lodeiro), A. Rios, Alv. Gonzalez (dall’80’ Carujo Diaz), G. Ramirez (dal 73′ Rolan); Stuani, Cavani. Allenatore: Tabarez

Venezuela (4-4-2): Hernandez; Rosales sv (dal 7′ A. Gonzalez), Angel, Vizcarrondo, Feltscher; Guerra, Rincon, Figuera (dal 79′ Otero), Penaranda; J. Martinez, Rondon (dal 78′ Sejas). Allenatore: Dudamel

Arbitro: Loustau (ARG)

Marcatori: Rondon (V, 36′)

Ammoniti: J. Martinez (V, 16′), Figuera (V, 42′), Sejas (V, 85′)
IL TRAPIANTO E' VITA!

:cup1: LFV-A-1^Div. Apertura 2010/11
:cup1: LFV-A-1^Div. Apertura 2011/12
:cup1: LFV-A-1^Div. Clausura 2012/13

Pulvirenti & Pitino fuori dal Calcio Catania

Avatar utente
Meridiano
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 170276
Iscritto il: 31.08.05 - 11:11
Nome: Francesco
Skype: ciccioarcidiacono
Località: Catania

Re: Copa America 2016

Messaggio da Meridiano » 10.06.16 - 07:16

Messico batte anche Giamaica (2-0) e va ai quarti di finale




Il Messico chiude la pratica, batte la Giamaica (2-0) ed è primo nel girone C del Centenario, in attesa dello scontro diretto con il Venezuela, che in precedenza aveva spedito a casa l’Uruguay. La Tricolor non ripete la scintillante prestazione offerta contro la Celeste ma con una rete per tempo regola una buona Giamaica, che è andata più volte vicino al gol, tra imprecisioni degli attaccanti e l’ottima partita del portiere messicano Ochoa. In evidenza anche Chicharito Hernandez (45 gol in Nazionale, a uno dal primatista storico Borgetti) e Herrera, il sogno del Napoli.

CHICHARITO GOL, GIAMAICA SPRECONA -Il Rose Bowl di Pasadena, California, è ovviamente il salotto di casa di tanti tifosi messicani. La Tricolor si presenta con Rafa Marquez in mediana per sostituire lo squalificato Guardado e il ritorno di Ochoa tra i pali. Tra i Reggae Boys invece il ritorno dal primo minuto per il capitano Wes Morgan, capitano e colonna anche del Leicester campione in Premier League. La festa sugli spalti dei messicani era quasi subito rovinata da Donaldson, destro di poco a lato in area al 6’ su repentina ripartenza giamaicana. Ma dopo dieci minuti di possesso palla arrivava il vantaggio Tricolor con il Chicharito Hernandez, di testa su cross di Corona, primo centro per la punta del Bayer Leverkusen nel Centenario. Ma i giamaicani non mollavano, anzi. E il Messico, temendone le ripartenze provava ad addolcire il ritmo della gara con un lungo giro palla. Ma McCleary colpiva in area a botta sicura al 35’ rimpallato da Moreno e poi era Ochoa a salvare su Hector.

PERALTA RADDOPPIA, MESSICO AI QUARTI - Nella seconda frazione ripartiva forte il Messico dopo gli spaventi di fine prima frazione: vicino al gol al 4’ ancora Chicharito Hernandez, poi toccava a Jimenez mentre una parte del tifo messicano si macchiava di offese omofobe verso il portiere dei Reggae Boys, Blake. E poco a poco la Giamaica segnava il passo, poche ripartenze, chiusa in area dal pressing alto degli avversari. Ancora Chicharito a un passo dalla doppietta, le occasioni per il bis messicano si moltiplicavano lasciando però spazi al contropiede giamaicano, con Donaldson più volte impreciso. E uno dei protagonisti era ancora una volta Herrera, l’obiettivo di mercato del Napoli: qualità, movimenti senza palla, spiccato senso tattico. Era però il neoentrato Peralta, dopo azione insistita di Lozano e Herrera, a siglare il raddoppio al 35’ che chiudeva la pratica: Messico avanti ai quarti di finale e sfida al Venezuela per il primo posto nel girone C, Giamaica eliminata ma degna di partecipare al Centenario.





MESSICO – GIAMAICA 2-0 (1-0)

Messico (4-3- 3) G.Ochoa, J.Duenas (25’st J.Molina), H.Moreno, M.Layun, Y.Corona, N.Araujo, R.Marquez, H.Herrera, J.Corona (16’ st H.Lozano), J.Hernandez (30’st O.Peralta), R.Jimenez. (1 J.Corona, 5 D.Reyes, 6 J.Torres, 11 J.Aquino, 12 A.Talavera, 17 C.Ramirez, 21 C.Pena, 22 P.Aguilar) All. J.Osorio.

Giamaica (4-4- 2) A.Blake, A.Mariappa, W.Morgan, J.Taylor, M.Hector, L.Williamson (30’st D.Orgill), J.McAnuff(16’ st M.Binns), G.McCleary, J.Watson, C.Donaldson, G.Barnes. (2 D.Salomon, 5 R.Harriott, 7 C.Marsh, 11 A.Vanzie, 13 D.Kerr, 14 A.Ottey, 18 J.Grant, 20 K.Lawrence,
23 R.Thompson). All. W.Schafer.

Arbitro: W.Pereira Sampaio (Brasile)

Reti: nel pt al 18’ J.Hernandez, nel st al 35’ O.Peralta

Ammoniti: nel pt al 27’ J.Watson
IL TRAPIANTO E' VITA!

:cup1: LFV-A-1^Div. Apertura 2010/11
:cup1: LFV-A-1^Div. Apertura 2011/12
:cup1: LFV-A-1^Div. Clausura 2012/13

Pulvirenti & Pitino fuori dal Calcio Catania

Avatar utente
Meridiano
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 170276
Iscritto il: 31.08.05 - 11:11
Nome: Francesco
Skype: ciccioarcidiacono
Località: Catania

Re: Copa America 2016

Messaggio da Meridiano » 10.06.16 - 07:17

Risultati e classifica girone C: Uruguay – Venezuela 0-1, Messico – Giamaica 2-0.

Messico 6 punti (2 partite giocate), Venezuela 6 punti (2 partite giocate), Uruguay 0
IL TRAPIANTO E' VITA!

:cup1: LFV-A-1^Div. Apertura 2010/11
:cup1: LFV-A-1^Div. Apertura 2011/12
:cup1: LFV-A-1^Div. Clausura 2012/13

Pulvirenti & Pitino fuori dal Calcio Catania

Avatar utente
Meridiano
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 170276
Iscritto il: 31.08.05 - 11:11
Nome: Francesco
Skype: ciccioarcidiacono
Località: Catania

Re: Copa America 2016

Messaggio da Meridiano » 10.06.16 - 14:24

Questa notte tocca invece al Cile di Alexis Sanchez e all'Argentina di Erik Lamela scendere in campo rispettivamente contro la Bolivia e il Panama nel gruppo D.
IL TRAPIANTO E' VITA!

:cup1: LFV-A-1^Div. Apertura 2010/11
:cup1: LFV-A-1^Div. Apertura 2011/12
:cup1: LFV-A-1^Div. Clausura 2012/13

Pulvirenti & Pitino fuori dal Calcio Catania

Avatar utente
Meridiano
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 170276
Iscritto il: 31.08.05 - 11:11
Nome: Francesco
Skype: ciccioarcidiacono
Località: Catania

Re: Copa America 2016

Messaggio da Meridiano » 11.06.16 - 06:18

Cile-Bolivia 2-1 Spettacolo al Gillette Stadium



CILE - BOLIVIA 2-1

Finisce 2 a 1 la terza partita del girone D tra Cile e Bolivia, sembrava infatti una partita scontata già prima di giocare, visto il dislivello sulla carta tra le compagini ed il bisogno del Cile di vincere dopo la sconfitta all'esordio contro l'Argentina, ma quello che ci hanno riservato le squadre in campo è stato uno spettacolo incredibile.




Primo Tempo:

Prima frazione di gara bloccata, con buoni ritmi di gioco, senza particolari azioni da gol.
E' il quinto minuto quando Duk s'invola da solo verso la porta ma l'arbitro statunitense Marrufo ferma tutto, ravvisando un fuorigioco, sbagliando così il suo primo intervento. L'attaccante boliviano non aveva superato la metà campo al momento del passaggio.
Il Cile vorrebbe sbloccare la partita e prendersi i 3 punti, ma contro questa Bolivia non è affatto semplice.
Il tema tattico è quasi sempre lo stesso, il Cile si affida alle giocate della sua stella Alexis Sanchez e ai cross degli esterni, provando ad innescare Pinilla, spesso accompagnato in area dagli inserimenti di Vidal e Aranguiz. La Bolivia, invece, si chiude molto bene dietro, affidandosi a qualche tentativo di ripartenza, però non impensierisce mai seriamente la difesa cilena.
Il primo tempo si sta per concludere così sullo 0 a 0 quando Isla arriva sul fondo e crossa in mezzo un pallone apparentemente innocuo, ma non per Lampe. Il portiere esce in presa ma si fa scappare la palla, Vidal la raccoglie appoggiandola per Sanchez che, a porta sguarnita, tira a botta sicura trovando un grande intervento in scivolata di Zenteno.
Finisce così la prima metà di gara, Cile che chiude con il 78% di possesso palla e solo un tiro in porta, che non basta a sbloccare l'incontro.




Secondo Tempo:

Pronti via e subito ottima iniziativa della Roja. L'azione si sviluppa sulla sinistra con Pinilla che, defilato, mette un pallone sporco in mezzo. Inserimento perfetto di Vidal ed è subito 1 a 0. Siamo solo al minuto 46, quando, il centrocampista ex Juve, buca un'incolpevole Lampe con un piatto destro nell'angolino all'altezza del dischetto.
Sono 15 minuti di azioni cilene quasi tambureggianti, sembra arrivato il momento del raddoppio quando Pinilla prova il suo colpo migliore, la cilena, ma si spegne di poco a lato.
In campo c'è quasi solamente il Cile.
Baldivieso mette dentro il suo numero 10, Jhasmani Campos, e non passano più di tre minuti quando si procura una punizione dai 30 metri, prende in mano il pallone, lo posiziona, e con il sinistro piega la mani ad un imperfetto Bravo insaccando la palla all'incrocio dei pali. Gol fantastico del giocatore migliore di tutta la nazionale boliviana, fino a quel momento, però, tenuto in panchina.
La squadra di Pizzi non ci sta e prova in tutti i modi a riportarsi in vantaggio.Al 72' punizione di Sanchez dal limite e grandissima parata di Lampe, sulla respinta arriva subito Puch che cicca clamorosamente il pallone, riconsegnandolo al portiere boliviano ancora a terra.
Passano soltanto due minuti ed in piena mischia, Vidal, colpisce il pallone da terra depositandolo però a mezzo metro dal palo.
La partita sembra ormai incanalata verso un pareggio inevitabile, col Cile che prova a sfondare ma si trova davanti una Bolivia messa bene in campo, che spazza molti palloni e, con un pò di furbizia, gioca con le lancette dell'orologio.
Sono otto i minuti di recupero. Al minuto 97 Sanchez si trova sulla destra, tenta un cross che viene però deviato da Gutierrez col braccio, è rigore!
Sono veementi le proteste della Bolivia, ed hanno anche tutte le ragioni, il braccio del difensore è attaccato al corpo, dietro la schiena. Arbitro molto generoso quindi.
Dal dischetto si presenta Vidal, che non sbaglia, portando la squadra sul 2 a 1 a pochi istanti dalla fine.
Sembrerebbe ormai finita, ma i minuti da recuperare saranno addirittura 12, ed al minuto 101 Ramallo ha l'occasione per pareggiare una partita infinita, ma spreca tutto mettendo a lato da ottima posizione.
Finisce così dunque una partita spettacolare, con un arbitro sicuramente non all'altezza, e col Cile che può fare festa ai danni di una Bolivia sicuramente sfortunata.







IL TABELLINO DELLA GARA

Marcatori: 46' Vidal, 61' Campos, 100' rig. Vidal
Assist: Pinilla


CILE (4-3-3):

Bravo, Isla (dal 76' Fuenzalida), Medel, Jara, Beausejour, Vidal, Pablo Hernandez, Aranguiz, Sanchez, Pinilla (dal 58' Edu Vargas), Orellana (dal 68' Puch).

A disposizione: Castillo, Diaz, Gonzalez, Herrera, Pulgar, Roco, Silva, Toselli.

Allenatore: Juan Antonio Pizzi



BOLIVIA (5-4-1):

Lampe, Saavedra, Eguino, Zenteno, Gutierrez, M.Bejerano, Smedberg-Delance, Melean, Castro (dal 58' Campos), Alrce (dal 54' Arce), Duk (dal 82' Veizaga).

A disposizione: Algaranaz, Alvarez, Azogue, D.Bejerano, Cabrera, Machado, Quinonez, Viscarra.

Allenatore: Julio Cesar Baldivieso


Ammoniti: Pablo Hernandez (CIL); Eguino, Gutierrez, Campos, Veizaga (BOL)
IL TRAPIANTO E' VITA!

:cup1: LFV-A-1^Div. Apertura 2010/11
:cup1: LFV-A-1^Div. Apertura 2011/12
:cup1: LFV-A-1^Div. Clausura 2012/13

Pulvirenti & Pitino fuori dal Calcio Catania

Avatar utente
Meridiano
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 170276
Iscritto il: 31.08.05 - 11:11
Nome: Francesco
Skype: ciccioarcidiacono
Località: Catania

Re: Copa America 2016

Messaggio da Meridiano » 11.06.16 - 06:21

Messi tris abbatte Panama: 5-0, Argentina ai quarti


Albiceleste avanti al sesto minuto con Otamendi ma poi soffre per un tempo l’intraprendenza dei panamensi, rimasti in dieci dal 30esimo minuto. Nella ripresa entra Messi: tripletta in 20 minuti. In gol anche El Kun Aguero. Infortunio per Di Maria


TRE gol in 20 minuti, per sciogliersi, monitorare il dolore alle costole e regalare una sera indimenticabile ai tifosi di Chicago.
Leo Messi si è ripreso l’Argentina il giorno successivo alle critiche sulla Pulce concesse off the records da Diego Armando Maradona a Pelè.
Con Messi, grazie a Messi l’Argentina stacca il pass per i quarti di finale del Centenario dopo l’inattesa sofferenza nei primi 45 minuti contro Panama (in 10 dal 30’), aggressiva e senza timori reverenziali. Per l’Albiceleste anche il primo posto matematico nel girone D.

OTAMENDI GOL, STOP DI MARIA – La Pulce cominciava dalla panchina, nonostante l’ovazione continua del pubblico di Chicago (Soldier Field), ancora tenuto fuori per il trauma alle costole rimediato in amichevole contro l’Honduras. Il Tata Martino per il pass ai quarti di finale confermava l’undici vincente contro il Cile, mentre Panama coltivava il suo sogno per i quarti di finale puntando su Blas Perez, l’eroe del successo contro la Bolivia. All’Albiceleste bastavano sei minuti per passare in vantaggio, colpo di testa di Otamendi sottomisura su cross da sinistra di Di Maria.

Ma il gol anziché lanciare gli argentini verso la goleada cementava le convinzioni dei panamensi, senza alcuna soggezione verso i finalisti dell’ultima Coppa America: dieci minuti di assedio alla porta di Romero (ancora incerto), uno script inatteso che spaventava gli argentini, nonostante il vantaggio. E la prova che il successo panamense contro la Bolivia non era stato un caso. Ma al 31’ Panama restava in dieci, doppio giallo per Godoy. E arrivava una brutta notizia anche per i tifosi argentini: al 41’ si infortunava Angel Di Maria, problema muscolare, dentro Lamela.

RIECCO LA PULCE, TRIPLETTA IN 15 MINUTI - Nella ripresa i panamensi risentivano, complice inferiorità numerica, del ritmo imposto agli argentini nel primo tempo. Per l’Albiceleste palleggio a basso voltaggio e primo squillo nella gara per Higuain, fermato dalla difesa panamense prima di battere a rete, su verticalizzazione di Banega. Poi, il boato della folla, nessun gol ma ingresso in campo di Leo Messi, un warm up di mezz’ora per portarlo a regime per la fase finale del Centenario. Otto minuti dopo, al 68’ la Pulce andava in rete, sinistro in area di rigore dopo involontario assist di Higuain. Dieci minuti dopo, altro sigillo del diez del Barcellona, su punizione. Partita in ghiaccio, solo ovazioni per il dieci del calcio mondiale, che concedeva tocchi di prima e finte alla platea americana. E anche il terzo gol personale, finta in area e sinistro all’angolo. Dal suo piede partiva anche l’azione del 5-0, con sponda di Rojo per la rete del Kun Aguero.






ARGENTINA – PANAMA 5-0 (1-0)

Argentina (4-2- 3-1) S.Romero, G.Mercado, N.Otamendi, M.Rojo, R.Funes Mori, J.Mascherano, A.Fernandez (16’st L.Messi), A.Di Maria (43’ pt E.Lamela), N.Gaitan, E.Banega, G.Higuain (29’st S.Aguero). (2 J.Maidana, 3 F.Roncaglia, 5 M.Kranevitter, 6 L.Biglia, 12 N.Guzman, 15 V.Cuesta, 21 J.Pastore, 22 E.Lavezzi, 23 M.Andujar). All. G.Martino.

Panama (4-5- 1) J.Penedo, F.Baloy, L.Henriquez, A.Machado, R.Miller, G.Gomez, A.Cooper, A.Quintero, A.Godoy, B.Perez, V.Pimentel (20’st M.Camargo). (3 H.Cummings, 4 F.Escobar, 8 G.Torres, 9 R.Nurse, 10 L.Tejada, 12 A.Rodriguez, 15 M.Gomez, 16 A.Arroyo, 18 R.Buitrago, 21 A.Henriquez, 22 J.Calderon). All. H.Gomez.

Arbitro: J.Aguilar (Salvador)

Reti: nel pt al 6’ Otamendi, nel st al 22’, 32’ e 42’ L.Messi, al 45’ S.Aguero

Ammoniti: nel pt al 6’B.Perez,

al 15’ A. Fernandez, al 17’ F.Baloy e J.Mascherano, al

22’ A.Godoy, nel st al 2’ A.Cooper, al 20’ N.Gaitan, al 32’ L.Henriquez

Espulsi: nel pt al 32’ A.Godoy
IL TRAPIANTO E' VITA!

:cup1: LFV-A-1^Div. Apertura 2010/11
:cup1: LFV-A-1^Div. Apertura 2011/12
:cup1: LFV-A-1^Div. Clausura 2012/13

Pulvirenti & Pitino fuori dal Calcio Catania

Avatar utente
Meridiano
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 170276
Iscritto il: 31.08.05 - 11:11
Nome: Francesco
Skype: ciccioarcidiacono
Località: Catania

Re: Copa America 2016

Messaggio da Meridiano » 11.06.16 - 06:22

Risultati e Classifica girone D: Cile – Bolivia 2-1, Argentina – Panama 5-0

Argentina 6 punti (2 partite giocate), Cile 3 punti (2 partite giocate), Panama 3 punti (2 partite giocate), Bolivia 0 punti (2 partite giocate)
Ultima modifica di Meridiano il 11.06.16 - 06:22, modificato 1 volta in totale.
IL TRAPIANTO E' VITA!

:cup1: LFV-A-1^Div. Apertura 2010/11
:cup1: LFV-A-1^Div. Apertura 2011/12
:cup1: LFV-A-1^Div. Clausura 2012/13

Pulvirenti & Pitino fuori dal Calcio Catania

Avatar utente
Meridiano
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 170276
Iscritto il: 31.08.05 - 11:11
Nome: Francesco
Skype: ciccioarcidiacono
Località: Catania

Re: Copa America 2016

Messaggio da Meridiano » 12.06.16 - 06:18


Usa soffre ma supera Paraguay (1-0) e va ai quarti



Un muro difensivo in piedi per 45 minuti regala la qualificazione agli Stati Uniti che battono il Paraguay (1-0, rete di Clint Dempsey al 27’). Klinsmann infatti a inizio ripresa dopo il rosso per il terzino Yedlin – due cartellini gialli in 30 secondi – si ricorda delle regole su difesa e contropiede mandate a memoria all’Inter di Giovanni Trapattoni, decidendo di rinunciare a Dempsey, il terminale offensivo statunitense, per tutto il secondo parziale di gioco, creando un fortino davanti all’area di rigore. La scelta del ct americano porta dividendi, il Paraguay non sfonda, sofferenza per gli States ma pass per i quarti di finale, con possibile incrocio con il Brasile.

ALBIRROJA SPRECA, DEMPSEY GOL – La resa dei conti del girone A si gioca a Philadelphia (al Lincoln Financial Field), nella tana degli Eagles, Nfl: con un successo o un pari gli statunitensi ai quarti di finale del Centenario, Klinsmann punta sul blocco vincente sul Costa Rica, mentre Ramon Diaz finalmente lancia dal primo minuto Antonio Sanabria per il bottino pieno, unica condizione per passare il turno, con Iturbe ancora in panchina. E il peso della partita si avverte nei primi dieci minuti, tra errori, corsa e tanti falli. La prima occasione per l’Albirroja è clamorosa, tre contro uno in contropiede, con Brooks che salva su Almiron, talentino mancino in orbita Inter. Non fallisce il bersaglio invece Clint Dempsey (seconda rete nel torneo), piatto destro di prima intenzione in area su cross di Wood al 27’. E il discorso qualificazione che si complica per i paraguaiani, con gli americani raccolti in 20 metri ma pronti a ripartire. A fine tempo, altra chance per l’Albirroja, Sanabria in profondità per Lezcano, fermato dal portiere statunitense Guzan.

FOLLIA YEDLIN, BUNKER STATES - Nella ripresa ecco Iturbe ma Stati Uniti in dieci: il terzino destro Yedlin si fa ammonire due volte in 30 secondi, con Klinsmann che tira fuori le sue conoscenze del calcio italiano, inserendo un centrocampista per Dempsey, il migliore in campo. Il rosso per Yedlin incattivisce la gara, staunitensi nervosi, paraguaiani in lotta contro il tempo. Al 15’ Zardes fallisce un match point davanti alla porta dell’Albirroja. E la tensione gioca un brutto scherzo anche all’arbitro, il cileno Bascunian, che s’infortuna al polpaccio destro. Ma dal Paraguay, nonostante l’assetto estremamente offensivo (in pratica, un 2-4-4), pochi i pericoli per la difesa degli States fino agli ultimi dieci minuti, con doppio miracolo di Guzan su Benitez e Almiron. La diga di Klinsmann rischia di crollare ma tiene fino alla fine. Americani avanti, paraguaiani sull’aereo per casa.




USA – PARAGUAY 1-0 (1-0)

Usa (4-3-3) B.Guzan, G.Cameron, J.Brooks, D.Yedlin, J.Jones, M.Bradley, F.Johnson, A.Bedoya (29’st G.Zusi), C.Dempsey (4’st M.Orozco), B.Wood (37’st K.Beckerman), G.Zardes. (3 S.Birnbaum, 5 M.Besler, 10 D.Nagbe, 12 T.Howard, 16 P.Kitchen, 17 C.Pulisic, 18 C.Wondolowski, 21 E.Castillo, 22 E.Horvath). All. J.Klinsmann.

Paraguay (4-4-2) J.Villar, P.Da Silva, M.Samudio, G.Gomez, F.Balbuena (1’ st J.Iturbe), C.Ortiz (9’st R.Rojas), V.Ayala, M.Almiron, D.Lezcano, D.Gonzalez, A.Sanabria (17’st J.Benitez). (4 I.Piris, 5 B.Valdez, 11 E.Benitez, 12 A.Silva, 13 B.Riveros, 18 N.Valdez, 22 D.Barreto, 23 R.Piris). All. R.Diaz.

Arbitro: J.Bascunan (Cile)
Reti: nel pt al 27’ C. Dempsey
Ammoniti: nel pt al 13’ C.Ortiz, nel st al 1’ D.Yedlin, al 13’ M.Bradley, al 24’ R.Rojas, al 31’ V.Ayala, al 32’ M.Orozco, al 43’ J.Jones
Espulsi: nel st al 2’ D.Yedlin
IL TRAPIANTO E' VITA!

:cup1: LFV-A-1^Div. Apertura 2010/11
:cup1: LFV-A-1^Div. Apertura 2011/12
:cup1: LFV-A-1^Div. Clausura 2012/13

Pulvirenti & Pitino fuori dal Calcio Catania

Avatar utente
Meridiano
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 170276
Iscritto il: 31.08.05 - 11:11
Nome: Francesco
Skype: ciccioarcidiacono
Località: Catania

Re: Copa America 2016

Messaggio da Meridiano » 12.06.16 - 06:20

Colombia k.o. con Costa Rica (2-3), Usa vince girone A


Il Centenario continua a regalare gol, emozioni e sorprese. Il Costa Rica già eliminato dalla corsa alla fase finale batte 3-2 la Colombia in una delle partite più divertenti del torneo, riscrivendo la classifica finale del girone A. I colombiani infatti – già qualificati prima della partita con i Ticos per i successi precedenti con Usa e Paraguay – chiudono al secondo posto (Stati Uniti primi per differenza reti), con il rischio di incrociare il Brasile, al momento primo nel gruppo B. Non ha pagato il turnover massiccio deciso dal ct Pekerman, successo di prestigio e meritato della Nazionale centroamericana.


SUBITO TICOS, FABRA FA E DISFA - A Houston, nell’unico impianto (NRG Stadium) con tetto retraibile del Centenario, la Colombia cerca il punto che le permetterebbe di vincere il girone con le alternative, Pekerman infatti sceglie il turnover, fuori tutti i big, da James Rodriguez a Cardona, panca anche per Bacca. Ma al primo minuto di gioco ecco i Ticos: Venegas fa gol con un fantastico tiro a giro da fuori area, colombiani ancora ai blocchi di partenza ma dopo meno di cinque minuti la partita torna in parità, con Fabra che batte Pemberton dopo un’azione personale conclusa in modo rocambolesco. La gara è un flusso di emozioni, poco tatticismo, ritmi elevati e tante azioni pericolose, con Venegas ancora vicino al gol (tiro da fuori respinto da Zapata), così Martinez al 28’ fermato dal portiere costaricense. Al 34’ Costa Rica ancora avanti: Venegas salta avversario con un tunnel, crossa, Zapata esce a vuoto e Fabra, autore del pari, infila nella propria porta. Poi è ancora Venegas, una delle rivelazioni del Centenario assieme al peruviano Cueva, a far impazzire più volte la difesa dei Cafeteros.

BORGES SIGLA IL TRIS, VANO ASSALTO CAFETEROS - Pekerman corre ai ripari nella ripresa per conservare il primato nel girone A, subito dentro James Rodriguez ed Erick Cardona. Ma a colpire sono di nuovo i Ticos, con Borges all’11’, lesto in area a girare il cross teso da destra del nuovo entrato Oviedo. Ma dopo 15 minuti di attacchi sterili, la Colombia accorcia con Marlos Moreno (secondo radiomercato a un passo dall’Inter) su assist di Cuadrado, entrato da poco. Le emozioni proseguono, Costa Rica ribatte colpo su colpo: azione Oviedo-Bolanos, cross per Venegas che in tuffo mette fuori di un soffio. Cuadrado intanto crea pericoli a destra, James ci prova da ogni posizione ma l’assedio finale dei Cafeteros non porta reti.




COLOMBIA – COSTA RICA 2-3 (1-2)

Colombia (4-3-3) R.Zapata, S. Medina, F.Fabra, F.Aguilar (19’st J.Cuadrado), Y.Mina, C.Sanchez, S.Perez (1’st J.Rodriguez), G.Celis, D.Moreno, M.Moreno (1’st E.Cardona), R.Martinez. (1 D.Ospina, 20 A.Roa, 23 C.Bonilla, 4 S. Arias, 19 F.Diaz, 16 D.Torres, 22 J.Murillo, 7 C.Bacca). All. J.Pekerman.

Costa Rica P.Pemberton, K.Waston, J.Acosta, J.Salvatierra (1’st B.Oviedo), R.Matarrita, F.Calvo, R.Azofeifa, C.Borges (33’st Y.Tejeda), C.Bolanos, J.Venegas, B. Ruiz (33’st J.Campbell). (1 D.Carvajal, 4 M.Umana, 13 O.Granados, 20 J.Woodly, 23 L.Moreira) All. O.Ramirez.
Arbitro: J.Argote (Venezuela)

Reti: nel pt al 2’ J.Venegas, al 6’F.Fabra,
al 34’ F.Fabra (autogol), nel st all’11’ C.Borges, al 27’ M.Moreno
Ammoniti: nel pt al 42’ R.Martinez, al 44’R.Azofeifa, nel st al 38’ P.Pemberton, al 42’ K.Waston, al 45’+ 3 J.Campbell
IL TRAPIANTO E' VITA!

:cup1: LFV-A-1^Div. Apertura 2010/11
:cup1: LFV-A-1^Div. Apertura 2011/12
:cup1: LFV-A-1^Div. Clausura 2012/13

Pulvirenti & Pitino fuori dal Calcio Catania

Avatar utente
Meridiano
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 170276
Iscritto il: 31.08.05 - 11:11
Nome: Francesco
Skype: ciccioarcidiacono
Località: Catania

Re: Copa America 2016

Messaggio da Meridiano » 12.06.16 - 06:21

Risultati e classifica finale girone A:
Usa 6 punti (3 partite giocate) Colombia 6 punti (3 partite giocate), Costa Rica 4 punti (3 partite giocate), Paraguay 1 punto (3 partite giocate)
IL TRAPIANTO E' VITA!

:cup1: LFV-A-1^Div. Apertura 2010/11
:cup1: LFV-A-1^Div. Apertura 2011/12
:cup1: LFV-A-1^Div. Clausura 2012/13

Pulvirenti & Pitino fuori dal Calcio Catania

Avatar utente
Meridiano
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 170276
Iscritto il: 31.08.05 - 11:11
Nome: Francesco
Skype: ciccioarcidiacono
Località: Catania

Re: Copa America 2016

Messaggio da Meridiano » 12.06.16 - 09:53

Gruppo B in cui ancora può succedere tanto, vista la classifica che recita: Brasile e Perù a 4 punti, Ecuador a 2 e Haiti a 0.

La prima sfida nella notte italiana si giocherà al MetLife Stadium di New York, tra Ecuador e Haiti. . La squadra di Gustavo Quinteros infatti è chiamata alla vittoria per sperare ancora nel passaggio del turno, augurandosi poi di assistere al successo del Brasile sul Perù. Pronostico simile anche per la sfida tra le due capoliste del girone, con la Selecao favorita, che pur avendo lasciato a casa la sua grande stella Neymar Jr, preservato per le Olimpiadi, non può rischiare di uscire da questa Copa America senza neanche raggiungere i quarti di finale.
E’ lecito quindi aspettarsi una partita all’attacco dei verdeoro, per chiudere subito il discorso qualificazione, e pur essendo il Perù un avversario diverso rispetto ad Haiti, i pentacampioni mondiali devono portare a casa il successo, senza troppe difficoltà, ed evitare inutili complicazioni, confermando quanto di buono fatto vedere nel largo successo per 7 a 1 contro i caraibici.
Ultima modifica di Meridiano il 12.06.16 - 09:54, modificato 1 volta in totale.
IL TRAPIANTO E' VITA!

:cup1: LFV-A-1^Div. Apertura 2010/11
:cup1: LFV-A-1^Div. Apertura 2011/12
:cup1: LFV-A-1^Div. Clausura 2012/13

Pulvirenti & Pitino fuori dal Calcio Catania

Avatar utente
Meridiano
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 170276
Iscritto il: 31.08.05 - 11:11
Nome: Francesco
Skype: ciccioarcidiacono
Località: Catania

Re: Copa America 2016

Messaggio da Meridiano » 13.06.16 - 05:44

Brasile shock: ko col Perù su gol dubbio, è fuori

Brasile fuori dalla Coppa America.

Il Centenario regala l'ennesima sorpresa, di sicuro quella più rumorosa e inattesa, con la Selecao che perde 1-0 con il Perù, primo nel girone B che qualifica anche l'Ecuador. Ma sull'esito della gara pesa la decisione contestata dai brasiliani dell'arbitro uruguaiano Cunha che convalida la rete del successo della Bicolor, forse da annullare, a 15' minuti dalla fine: Ruidiaz ribadisce in porta con un tocco coscia-braccio un cross dalla destra e il direttore di gara convalida dopo vari minuti di consultazioni con i collaboratori, tra le proteste della Selecao, che fallisce una clamorosa occasione per il pari con Elias, in pieno recupero. Per un risultato che cambia la storia di questa edizione della Coppa America e un'altra pagina nera per il calcio brasiliano, dopo la figuraccia del Mineirazo di due anni fa ai Mondiali casalinghi (1-7) contro la Germania.
Non ha pagato l'atteggiamento tattico troppo prudente voluto da Dunga nella ripresa, con la Selecao che arretrava per difendere il pareggio, risultato che avrebbe garantito i quarti, incoraggiando gli attacchi peruviani. I verdeoro finiscono terzi nel girone con quattro punti. Ora spazio alle polemiche, sulla mancata convocazione di Neymar e di veterani di talento, Thiago Silva e Marcelo su tutti. Per il Perù nei quarti di finale c'è la Colombia.



GABIGOL CI PROVA, MURO PERU' - Verdeoro al Gillette Stadium (Foxborough, Massachusetts), la casa dei New England Patriots, Nfl, con Miranda, con Gabriel, Gabigol per i media nazionali, in avanti per Jonas, dopo la rete a Haiti. Peruviani aggrappati invece a Pablo Guerrero e alle giocate di Cueva, una delle sorprese del Centenario. Si parte subito forte, i difensori della Bicolor fanno sentire i tacchetti a Gabigol, il ritmo è alto, il Brasile palleggia cercando tra le linee Coutinho (24 anni oggi). Ma la prima occasione arriva al 26' proprio con Gabigol, che si volta in un fazzoletto d'erba, tiro parato dal portiere peruviano Gallese. Poi è Willian a spedire alto dopo un cross dalla sinistra di Felipe Luis. I Verdeoro ci provano ancora con Gabigol (fermato di nuovo da Gallese), anche se basta un pari per i quarti di finale contro i Cafeteros (miglior differenza reti rispetto alla Bicolor), mentre il Perù si difende e costruisce poco. Ma si lamenta, a ragione, per un rigore non concesso a fine primo tempo, fallo di Renato Augusto su Cueva.


RUIDIAZ GOL SOSPETTO, SELECAO FUORI - Il Perù alza il baricentro nella seconda parte di gara, con lanci lunghi su Guerrero, gestito a fatica da Miranda. Invece il Brasile arretra, comincia a guardare l'orologio, un rischio considerando la qualità offensiva del Perù che può trovare la giocata decisiva in qualsiasi momento. Al 30' il giallo che cambia l'inerzia della partita: rete peruviana con il nuovo entrato Ruidiaz sottomisura con un tocco coscia-braccio, per i brasiliani irregolare, l'arbitro pare convalidare, poi si ferma, consulta i collaboratori, è indeciso e circondato dai calciatori delle due squadre, prima della decisione finale: rete valida (ma forse era da annullare) e Brasile nei guai. Dieci minuti per evitare l'eliminazione. Comincia l'assalto brasiliano, grande chance per Elias, nel secondo dei sei minuti di recupero concessi dal discusso arbitro, con il brasiliano che non riesce a spedire in porta un cross dalla trequarti. Game over: il Perù sogna, il Brasile piange.



BRASILE - PERU' 0-1 (0-0)
Brasile (4-2-3-1) Alisson, D.Alves, Gil, J.Miranda, F.Luis, Willian, R.Augusto, Elias, P.Coutinho, L.Lima, Gabriel (25'st Hulk). (12 D.Alves, 7 Ganso, 9 Jonas, 12 Marquinhos, 14 R.Caio, 15 Fabinho, 16 D.Santos, 17 Walace, 20 L.Moura, 22 M.Grohe). All. C.Dunga.

Perù (4-2-3-1) P.Gallese, A.Rodriguez, A.Corzo, C.Ramos, M.Trauco, A.Balbin (1'st Y.Yotun), O.Vilchez, C.Cueva (45'st R.Tapia), P.Guerrero, A.Polo, E. Flores (17' st R.Ruidiaz). (7 L.Da Silva, 12 D.Penny, 14 A.Alfageme, 17 L.Abram, 18 C.Benavente, 22 J.Cespedes, 23 C.Caceda, 4 R.Revoredo, 21 A.Hohberg). All. R.Gareca.

Arbitro : A.Cunha (Uruguay).

Reti: nel st al 30' R.Ruidiaz.

Ammoniti: nel st al 25' L.Lima, al 43' R.Augusto, al 45' Y.Yotun.
IL TRAPIANTO E' VITA!

:cup1: LFV-A-1^Div. Apertura 2010/11
:cup1: LFV-A-1^Div. Apertura 2011/12
:cup1: LFV-A-1^Div. Clausura 2012/13

Pulvirenti & Pitino fuori dal Calcio Catania

Rispondi

Torna a “Calcio”